Background Eraser, rimuovete lo sfondo alle immagini

moda--sfondo-bianco--articoli--maschio_3215125

Spesso può capitare di scattare delle foto in luoghi del tutto particolari e, proprio per tale ragione, si sente la necessità di rimuovere lo sfondo per poi riutilizzare l’immagine con uno sfondo bianco, ad esempio.

L’app di cui stiamo per parlarvi permette proprio di eseguire l’estrazione di un soggetto o di un determinato oggetto a partire da una foto in maniera estremamente rapida e facile.

L’app prende il nome di Background Eraser ed offre proprio la possibilità di cancellare lo sfondo dalle foto, in modo tale da isolare esclusivamente le aree che si vogliono salvare.

L’app Background Eraser, quindi, garantisce la possibilità di eliminare lo sfondo: dopo aver eseguito tale operazione, quindi, gli utenti possono scegliere di conservare la trasparenza della foto e poi sfruttarla in altre app che denotano un certo livello di compatibilità, come ad esempio Keynote.

Utilizzare l’app Background Eraser è un gioco da ragazzi, visto che gli utenti dovranno solamente eseguire un “tap” sulle aree che bisogna eliminare, mentre la funzionalità target permette di effettuare calcoli in modo del tutto automatico le aree in relazione alla colorazione.

Gli utenti possono sfruttare diverse selezioni caratterizzate da una maggiore precisione, utilizzando svariati strumenti che sono in grado di garantire un ottimo grado di efficienza.

Interessante l’opportunità di sfruttare ben nove strumenti che permettono di apportare miglioramenti alla foto, come ad esempio regolare le impostazioni relative alla luminosità, contrasto, esposizione, saturazione, ombre, temperatura, oltre che inserire la vignettatura.

Nel momento in cui l’utente decide di esportare l’immagine, può scegliere tra i due formati disponibili, ovvero PNG e JPEG, impostando anche le relative dimensioni tra le tre proposte.

[ezreview]

icon
Background Eraser - SuperImpose Photo Editor & Cut Out Image OutlineSUNWOONG JANGFoto e videoGratisScarica da iTunes

 

Che ne pensi?