Beats, balzo in classifica dopo la fusione con Apple

beats

Apple ha mostrato davvero molta soddisfazione per l’acquisto di Beats. La somma che è stata utilizzata  per l’acquisizione di Beats è stata davvero impressionante ed è sicuramente arrivata l’ora, per la casa di Cupertino, cercando di pubblicizzarlo il più possibile.

Infatti, questa applicazione è stata inserita all’interno dell’elenco delle “Apps made by Apple”.

Si tratta, per tutti coloro che non lo sapessero, del nuovo ed innovativo servizio di streaming musicale che è stato messo a disposizione da parte di Apple, ma che non ha ancora varcato i confini italiani, nonostante le indiscrezioni portino a pensare che ben presto possa esordire anche al di fuori del “recinto” americano.

Negli Stati Uniti, dopo che l’accordo di acquisizione dell’app Beats è diventato di dominio pubblico, il titolo ha fatto letteralmente un balzo pazzesco in tutte le classifiche, dal momento che è andata posizionarsi nei primi tre posti della categoria musica e nei primi posti della classifica delle applicazioni gratuite e di quelle redditizie.

Tra le più importanti caratteristiche che vengono messe a disposizione da parte dell’app Beats troviamo sicuramente una discoteca in cui sono compresi più di 20 milioni di titoli che si possono ascoltare sfruttando un abbonamento mensile da 9,99 dollari o un abbonamento annuale da 99,99 dollari.

Beats offre agli utenti la possibilità di sfruttare un’interfaccia in grado di garantire un’ottima esperienza d’uso, con uno stile decisamente più cool in confronto ai principali avversari nel settore.

Un colpo, quello realizzato da Apple, che sancisce definitivamente il “matrimonio” tra l’azienda di Cupertino ed il fondatore di Beats Dr Dree.

Add Comment