BikeShield, per i ciclisti la strada sarà meno pericolosa

chiusi-ciclismo

Non si può certamente considerare una novità, ma andare in bici in mezzo al traffico è particolarmente pericoloso, visto che piuttosto frequentemente capita di sentire di tragici incidenti.

Come si può facilmente intuire, la colpa non è solamente degli automobilisti, ma anche qualche volta dei ciclisti che non si accorgono di macchine che arrivano a velocità sostenuta.

L’Italia non è certamente un paese che favorisce lo spostamento con mezzi ecologici come la bicicletta, visto che è in netto ritardo, sotto questo punto di vista, rispetto ad un gran numero di paesi nordeuropei.

Fino al momento in cui non saranno le istituzioni a prendere in mano questa situazione e a risolverla, allora probabilmente è la tecnologia che dovrà provvedere a tracciare la strada e qualcosa si sta già muovendo.

La soluzione, almeno parziale, sta arrivando da una nuova applicazione nata da un’idea piuttosto semplice, che prende il nome di BikeShield.

Dopo aver effettuato il download di BikeShield sullo smartphone, c’è bisogno di specificare quale sia la tipologia di mezzo che si deve guidare, per poi stabilire un segnale di avviso, che può corrispondere ad una normale notifica piuttosto che ad un suono specifico.

Poi, ci si mette in marcia come al solito, ma molto più tranquillamente, dal momento che si potrà sapere con 10 secondi di anticipo della presenza di un ciclista sulla strada: una situazione resa possibile per mezzo del GPS integrato dei vari smartphone.

Ovviamente, anche i ciclisti hanno la possibilità di capire, grazie all’app BikeShield, quali siano le strade maggiormente libere dal traffico e quelle suggerite per evitare ingorghi e colonne, facendo in modo di  abbassare notevolmente il pericolo di compiere un incidente.

Add Comment