ChatRoulette, la Chat su Android e iOS: un errore?

29052013

Il boom di Chatroulette? E’ dovuto al fatto di essere… senza controllo e senza inibizioni…La chat anonima e il successo. ChatRoulette è il nome del famoso sito web lanciato nel 2009 dallo studente  russo Andrey Ternovsky. Consente, nel più completo anonimato, a mettere sconosciuti in contatto video, in maniera del tutto casuale. Ha goduto, negli ultimi anni, di un boom davvero inaspettato:  1.5 milioni di utenti nel marzo 2010, ed una crescita esponenziale grazie al più completo anonimato, che consente contenuti espliciti privi da ogni censura. Oggi, ChatRoulette è  copiato da migliaia di siti analoghi, che ne clonano le caratteristiche principali, o ne propongono varianti più o meno valide (chat italiana, chat per Facebook o altro).

Le chat e i dispositivi mobile. Nessuna delle chat che sfrutta il nome di ChatRoulette è collegata al sito originale di ChatRoulette.com e ne sfrutta solo la popolarità del nome. Le principali applicazioni presenti negli store, che riportiamo in basso, hanno ottenuto feedback molto bassi, e non godono di successo (addirittura, la versione per iOS è a pagamento). Pochissimi download, commenti molto critici.

[pullquote]Perchè non esiste un’app ufficiale ChatRoulette? Che fine ha fatto il fondatore? [/pullquote]I motivi del flop. Strano che un servizio web utilizzato, tra gli altri, da Paris Hilton, Justin Bieber e Lady Gaga non abbia pensato di fruttare il momento di massima popolarità per lanciare una App ufficiale. E’ evidente che uno strumento come Chatroulette, che frutta anonimato e contenuti “non adatti ai minori” è più adatto ad essere utilizzato con la webcam in un ambiente casalingo, piuttosto che da un dispositivo. Nel 2010, Apple ha bandito dallo store iChatr  per le lamentele di utenti che si trovavano costantemente davanti a scene di nudo o di perversione, senza avere alcuna possibilità di controllo. E non ha convinto neanche Facekandi, (inserito tra le foto in alto) il clone per iOS che sfrutta Facetime. Ci chiediamo infine: che fine ha fatto il fondatore d ChatRoulette  Andrey Ternovsky?

I rischi e le implicazioni legali. Una sessione di video chat tra due adulti consenzienti, svolta in maniera privata, non ha bisogno di alcuna regolamentazione. Il discorso è diverso se la chat è pubblica, oppure una delle parti è minore di 16 anni. La cronaca recente ci racconta di come le chat possano essere registrate ed utilizzate per ricattare l’interlocutore (guardate, ad esempio, video de Le Iene, disponibile sul canale Mediaset). Siete davvero sicuri sia necessaria (e divertente) una video chat anonima dal vostro smartphone?

 

 

 

 

Add Comment