Chromecast, negli Stati Uniti è sempre meno utilizzato

Chromecast, negli Stati Uniti è sempre meno utilizzato

Dalla presentazione di Chromecast, il mini dongle di Google, è passato quasi un anno. In tale arco di tempo il piccolo gadget tech del colosso delle ricerche in rete è riuscito a guadagnarsi la stima di un ampio numero di utenti, sia per il prezzo basso sia per le funzionalità offerte.

Stando però ad una ricerca condotta da Parks Associates la tendenza positiva per Chromecast ha subito un’inversione: negli Stati Uniti sono sempre meno utenti ad utilizzare il mini dongle.

Un campione di 10.000 utenti americani ha infatti dichiarato di utilizzare Google Chromecast sempre meno. Confrontando il Q3 2013 e il Q1 2014 la quota di coloro che hanno sfruttato il dispositivo per trasmettere pagine web sul televisore è scesa dal 76% al 54% (-22%). Un calo simile è stato registrato anche per l’ascolto dei brani musicali mentre resta piuttosto alta, sopra il 70%, la fetta di possessori che lo sfruttano per lo streaming video.

Tale tendenza potrebbe essere in parte giustificata dalla sempre più capillare diffusione delle Smart TV che offrono le medesime funzionalità di Chromecast senza però richiedere l’acquisto di un device aggiuntivo.

L’unica soluzione possibile per invertire la tendenza sembrerebbe essere quella di spingere lo sviluppo di applicazioni e servizi dedicati, un obiettivo questo a cui il colosso delle ricerche in rete sta puntando già da qualche tempo ed il rilascio, ad inizio anno corrente, dell’SDK ufficiale ne è un’evidente prova. A tal proposito, l’integrazione oramai prossima del supporto ufficiale a Chromecast in VLC potrebbe essere di grande aiuto per il mini dongle di Big G.

 

Add Comment