Come evitare una batteria esplosiva: salviamo il cellulare

Batteria esplosiva

Man mano che la tecnologia va avanti, questa comincia a prendere una certa piega di pericolosità per vari motivi. A volte bisogna prestare attenzione più alla composizione relativa alla sicurezza che alla potenza e la bellezza dei componenti, ma molte case stanno sempre più tralasciando quest’aspetto. Qual’è il primo pericolo che abbiamo nei nostri Smartphone? La batteria.

Ogni smartphone al giorno d’oggi ha una batteria che utilizza una particolare composizione chimica per offrire la potenza e la durata che tanto apprezziamo. E’ naturalmente inclusa anche in altri prodotti come Notebook ed altri tipi di gadgets, ma con lo smartphone la faccenda è particolare. Come mai? Devono essere sempre alla minima dimensione possibile. Il problema di queste batterie è appunto la suddivisione dei componenti e la temperatura. Se uno dei componenti comincia a scaldarsi, crea una reazione a catena facendo scaldare gli altri. Una batteria non è capace di sfogare il calore da solo e così, per via della pressione, si gonfia ed esplode.

Ci sono delle contromisure che naturalmente vengono perfezionate ogni anno. Dall’alba dei tempi molti modelli di cellulari sono programmati per fermare tutte le attività o spegnersi quando i sensori riportano che la temperatura della batteria è troppo alta per operare. La copertura delle batterie moderne inoltre è fatta per trattenere la pressione, per non farle esplodere. Questo però causa un incredibile dispersione di calore che causa ustioni ed altro ancora.

Pian piano le batterie si stanno facendo più sottili e certe marche (anche originali) preferiscono non inserire alcuni componenti per risparmiare. Come possiamo difenderci?

Naturalmente comprate componenti originali o almeno di marche conosciute. Costano di più, ma il rischio è minore anche se comunque possibile.

Non lasciate il vostro cellulare in ambienti molto caldi, specialmente durante la ricarica.

Non mettete sottosforzo il vostro cellulare mentre lo tenere in ricarica.

Naturalmente, caricate la batteria prima che raggiunga il 15% della carica per evitare danni sulla lunga gittata.

Add Comment