Corea del Sud, un’app per combattere i suicidi

detay-seul-pensa-a-unapp-per-combattere-i-suicidi-lapplicazione-controllera-dallo-smartphone-le-attivita-social-dei-ragazzi-avvertendo-i-genitori-qualora-riscontrasse-termini-pericolosi

Da tantissimo tempo, purtroppo, la Corea del Sud ha un record che nessun altro paese vorrebbe detenere: stiamo parlando del primato per quanto riguarda il tasso di suicidi tra tutte le nazioni che fanno parte dell’Ocse.

Infatti, in Corea la media è davvero spaventosa, con 29,1 casi di suicidio ogni 100 mila abitanti (secondo una statistica che risale al 2012): si tratta di circa 40 suicidi che avvengono ogni giorno.

Adesso, la Corea del Sud prova ad affidarsi alla tecnologia e, in modo particolare, ai social network per provare a trovare una soluzione per combattere il fenomeno dei suicidi, sopratutto tra i più giovani.

L’iniziativa messa in piedi dal governo ha già provocato diverse critiche: ad ogni modo, l’intento è quello di provvedere all’inserimento all’interno dei vari dispositivi mobili utilizzati dai più giovani, di un’app che permetta di gestire l’impiego del web, inclusi i social network e la messaggeria.

Nel caso in cui l’app riscontri un utilizzo troppo frequente di parole sensibili, comunque legate al suicidio, avvisa immediatamente con un sms i genitori del ragazzo o della ragazza.

Il ministero dell’Educazione ha voluto mettere in evidenza, tramite una nota ufficiale, come l’installazione di questa particolare applicazione non sia obbligatoria, anche se in fondo le autorità sperano di cuore che tanti ragazzi possano accettarla all’interno del proprio smartphone, ma anche dalle scuole e dai genitori stessi.

Purtroppo, il problema dei suicidi è reiterato in Corea del Sud, visto che già cinque anni fa il Wall Street Journal sottolineava la gravità della faccenda, narrando quanto successo a Park Young, un attore e cantante molto famoso nel Paese asiatico che è stato trovato morto suicida dalla madre nel proprio appartamento, lasciando di stucco tutti i fan.

Add Comment