Cos’è la penna U2F e come può proteggerci?

U2F sicurezza

Al giorno d’oggi proteggerci con diversi metodi è altamente incoraggiato, specialmente se combiniamo diversi elementi. Questo antepone un argomento iniziale: i passaggi da effettuare per l’identificazione. Al giorno d’oggi un solo passaggio (la password) è ritenuto poco sicuro. Impostare un “Two-factor” ovvero due passaggi è lo standard. Il secondo passaggio può essere un SMS da ricevere sul nostro cellulare o addirittura un app specifica con il quale possiamo ricevere particolari codici da inserire, se non addirittura coinvolgere altri tipi d’identificazioni. Ma è nato un nuovo modo per controllare l’identità: la penna U2F.

Si tratta d’una “pendrive” che sta divenendo uno sperimentale nuovo standard nella sicurezza odierna. Funziona come la Yubikey, una chiavetta che ci permette d’accedere all’applicazione LastPass per leggere le password che inseriamo nel nostro PC. Si tratta perciò d’un metodo particolare, che rende gli account molto più difficili da violare. La sua particolarità è che attualmente non utilizza una tecnologia da vera pendrive, ma piuttosto quella delle smartcard, rendendosi quindi più difficile da leggere in certe occasioni. Per il futuro inoltre questa penna avrà funzioni Bluetooth e NFC per non obbligare l’utente a inserire sempre la chiavetta per ricordare la password o andare per il secondo passaggio. Alla fin fine le funzioni NFC e Bluetooth non sono state ancora inserire proprio perché ci si vuole assicurare che nessuno sarà capace di violare queste penne a distanza.

Ma non solo: la penna U2F ha una particolare encriptazione che ci facilita anche l’inserimento di password lunghe, trasformando l’accesso a doppia identificazione in una sola. Una lunghissima password inoltre rende più difficile il lavoro dei pirati che possono infilarsi nei server di qualche servizio, dato che anche se hanno il database in mano devono decodificare gli account. Quelli con una password corta periscono subito.

Alla fine, una novità molto interessante che può rendere le nostre vite molto, ma molto più sicure!

Add Comment