Flappy Bird è stato rimosso da App Store e da Google Play Store

Flappy Bird è stato rimosso da App Store e da Google Play Store

Flappy Bird, il gioco che ha spopolato nel corso degli ultimi giorni tra gli utilizzatori di smartphone e tablet e che nel giro di brevissimo tempo è riuscito ad attirare l’attenzione di un enorme numero di utenti, è stato rimosso da App Store e da Google Play Store ed a farlo è stato lo stesso sviluppatore, il vietnamita Dong Nguyen.

Al momento non vi è una motivazione valida riguardo la decisione presa dallo sviluppatore di rimuovere il gioco ma la cosa ha generato un forte rumore mediatico gettando non poco mistero sulla vicenda.

La decisione presa, infatti, appare inspiegabile, specie in virtù del fatto che Flappy Bird è stato in primis un gioco fonte di denaro. Il gioco, infatti, era riuscito a guadagnarsi il primo posato in classifica tra le app più scaricate da App Store e Google Play Store ed era in grado di raccogliere sino a 50 mila dollari al giorno grazie a semplice in-app advertising.

Tramite Twitter Nguien ha pubblicato alcuni messaggi rivolti ai giocatori di Flappy Bird spiegando di non riuscire più a mantenere il peso della popolarità eccessiva e non voluta del suo titolo e le migliaia di critiche che gli sono state fatte privatamente. In effetti considerando il fatto che lo sviluppatore è stato accusato a più riprese di aver copiato il design, il personaggio ed il fondale da Super Mario Bros e l’idea da Piou Piou, un altro gioco presente su Google Play Store dal 2011 ed avente praticamente con lo stesso scopo, sembra abbastanza strano che alla base della rimozione di Flappy Bird non vi sia un intervento legale, in particolare da parte di Nintendo, ma lo sviluppatore nega.

Flappy Bird è stato un mio successo, ma ha anche rovinato la mia semplice vita. Quindi adesso lo odio.

Lo eliminerò dall’App Store, non per motivi legali, ma perchè non ne posso proprio più.

Le motivazioni date da Nguien risultano dunque abbastanza futili e le ragioni della rimozione di Flappy Bird da App Store e da Google Play Store saranno quindi sicuramente altre.

Add Comment