Google, a breve il lancio del nuovo progettto The Physical Web

2012-mlove-monterey-Experience-Design-Scott-Jenson

Il mondo digitale che noi conosciamo non sarebbe certamente uguale senza le applicazioni, che hanno segnato l’era dei negozi online e dei sistemi operativi mobili.

Ad ogni modo Google, grazie al grande lavoro di Scott Jenson, l’esperto UX designer che ha ripreso a lavorare su Chrome nel corso dell’ultimo mese di novembre, ha fatto partire un nuovo progetto, che prende il nome di The Physical Web.

Jenson ha intenzione di mettere a disposizione una tipologia di “interazione on demand” con il suo progetto, in maniera tale che le persone abbiano la possibilità di sfruttare ogni tipologia di dispositivo mobile che ha la capacità di interfacciarsi allo smartphone, senza dover ovviamente impiegare altre applicazioni.

In poche parole, ciò significa solamente una cosa: interattività ai massimi livelli. Giusto per fare un esempio, quando un utente cammina vicino alla fermata del pullman, sullo schermo dello smartphone comparirà in via del tutto automatico gli orari di quella specifica fermata, senza dover obbligatoriamente utilizzare un’applicazione a ciò dedicata.

Boom delle connessioni ad internet da device mobili

Senza ombra di dubbio, si può parlare di un progetto davvero molto ambizioso per quanto riguarda il rapporto tra smartphone e applicazioni: secondo gli analisti, ci sarà un grande aumento di dispositivi mobili collegati ad internet nel corso dei prossimi anni.

Giusto per fare un esempio, Cisco ha stimato come saranno ben 50 i miliardi di device che saranno connessi al web entro il 2020, mentre già dal 2015 sembra che saranno addirittura 15 miliardi i dispositivi mobili collegati al world wide web e, senza ombra di dubbio, il progetto intrapreso da Google e capeggiato da Jenson potrebbe rappresentare un ulteriore boom del settore.

Add Comment