Google sta progettando un chip ARM per i suoi server?

Google sta progettando un chip ARM per i suoi server?

Stando a quanto riportato da alcune fonti contattate da Bloomberg in un futuro non molto lontano Google potrebbe diventare un chipmaker.

Seguendo la falsariga di Apple e di Samsung il colosso di Mountain View avrebbe dunque intenzione di progettare un proprio processore personalizzato ed ottimizzato e basato sull’architettura ARM. L’utilizzo di tale processore sarebbe destinato ai server installati nei data center sparsi per il mondo.

Considerando che Google offre numerosi software e servizi web per i quali è indispensabile poter contare sempre e comunque su una solida infrastruttura hardware in grado di sopportare alla perfezione il carico di lavoro senza andare incontro ad eventuali interruzioni e rallentamenti il raggiungimento del presunto obiettivo in questione sarebbe quindi più che giustificato.

Nei data center di Google sono attualmente presenti centinaia di server con processori Intel verso i quali, però, big G sembra intenzionata a ridurne la dipendenza. Il settore dei processori è totalmente nelle mani di Intel che possiede una quota di mercato pari al 95% e Google è uno dei partner più importanti essendo il quinto cliente per numero di processori acquistati. Quindi, qualora Google decidesse davvero di sviluppare un chip custom per i propri server Intel potrebbe perdere una buona fetta di guadagno.

Ad ogni modo un eventuale scontro tra Google ed Intel potrebbe avere inizio non prima della fine del 2014 quando, appunto, verrà avviata la distribuzione dei primi chip ARM Cortex A53 e A57 a 64 bit progettati in modo specifico per i server.

Per il momento, è però opportuno specificarlo, i piani in questione ancora non sono stati confermati e non è escluso che la situazione possa evolversi in maniera differente nel corso dei prossimi mesi.

Add Comment