Handle on Mobility, la rivoluzione del traffico urbano di Ford

1425290097_Smart_Mobility-600x335

Direttamente da un palcoscenico eccezionale come quello del Mobile World Congress, Ford ha tolto i veli di fronte a tutta Europa ad un nuovo progetto davvero molto interessante.

Stiamo facendo riferimento ad un notevole ampliamento del suo Smart Mobility Plan, che è stato svelato durante il CES di Las Vegas e che sta per essere integrato e completato da un nuovo progetto di trasporto intermodale per cui Ford è riuscita a realizzare due prototipi di smart e-bike, che hanno la pazzesca capacità di interagire direttamente con vetture, infrastrutture e dispositivi mobili.

Lo Chief Operating Officer di Ford Europa, ovvero Barb Samardzich, ha sostenuto come il lancio di particolari e flessibili modelli di auto e il binomio auto-ebike potrà rivoluzionare in futuro la mobilità nelle città, ma al contempo favorire anche i movimenti metropolitani.

In base ad uno studio che è stato realizzato da parte della Commissione Europea, le difficoltà che vengono provocate dal traffico e dai percorsi che vanno dalla propria abitazione fino al posto di lavoro, solamente nel Vecchio Continente, comportano ogni anno una spesa che va oltre i 100 miliardi di euro.

Questo progetto sperimentale prende il nome di Handle on Mobility e sfrutta un’applicazione che ha la particolare capacità di individuare in presa diretta quale sia il mezzo di trasporto più rapido, ovviamente tenendo in grande considerazione vari dati ed informazioni relativi al traffico.

L’app riesce a trovare il tragitto migliore con una selezione automatica dei mezzi di trasporto maggiormente adeguati: dopo aver inserito la destinazione, l’app su cui si basa il progetto Handle on Mobility può consigliare un tragitto che comprende in parte l’impiego dell’auto e in parte un tratto di strada in cui sfruttare la e-bike, aggiornando sempre il percorso ideale in tempo reale.

Le due e-bike scelte da Ford sono la MoDe:Pro e la MoDe:Me.

Add Comment