I dati non vengono mai cancellati del tutto. HDD vs SSD.

E torniamo di nuovo sul campo HDD vs SDD. Siete al corrente di come funziona il recupero dei dati nei nostri dischi rigidi? Si basano sulla normalissima operazione di come in realtà, quando eliminiamo dei files, questi non vengono veramente rimossi dal sistema. Qual è la differenza fra Hard Disk e Solid State Drive?

 

Quando eliminiamo dei files dal nostro disco rigido, quel che semplicemente fa Windows è marchiare quella parte come non importante, permettendo così all’Hard disk di riscrivere sopra quella sezione non appena altri dati saranno disponibili. Questo è naturalmente per mantenere un certo che di prestazioni, dato che se vogliamo veramente eliminare i files del tutto l’operazione richiederebbe molto più tempo. Quel che fa Windows perciò è limitarsi a far sembrare il file eliminato, ma in realtà è sempre lì e man mano che verranno elaborati altri files e scritti, la loro presenza verrà sostituita.

Sugli SSD però la faccenda cambia. Come già sappiamo l’elaborazione non si basa su un disco meccanico dove i dati vengono sparsi ovunque, ma su dei banchi di memoria che man mano si riempiono. E’ perciò molto importante tenere questi banchi il più liberi possibile per evitare che l’SDD rallenti. Per questo, è stato introdotto il TRIM. Vista la velocità di questi banchi, Windows non si limita a dire che quei files non sono più importanti, ma piuttosto elimina per davvero la presenza di quegli elementi.

Ammesso però che sia un SDD interno: è infatti possibile che gli SSD esterni (di qualsiasi tipo di comunicazione USB o Firewire che sia) non facciano uso del TRIM in maniera integrale, e perciò i files eliminati possono essere recuperati da voi o da malintenzionati. E’ sempre consigliato un Format completo e lento se dovete ripulire il tutto oppure criptare tutto il disco con programmi tipo TrueCrypt.

Add Comment