iSmartkeeper, stop all’uso dei cellulari durante le lezioni

20140321_c4_ismartkeeper2

Arrivano notizie molto interessanti per tutti i professori del mondo: infatti, pare proprio che uno dei peggiori incubi degli insegnanti, ovvero l’impiego dei dispositivi mobili durante la lezione, potrebbe finalmente avere vita breve.

Direttamente dalla Corea del Sud, infatti, è stata lanciata una nuova applicazione che prende il nome di iSmartkeeper e che offrirebbe la possibilità ai professori di tenere sotto controllo così come di spegnere tutti i vari smartphone usati dagli studenti nel corso delle ore di lezione.

Questa nuova applicazione iSmartkeeper si caratterizza per sfruttare una particolare tecnologia denominata Geofencing: in poche parole, questo titolo sarebbe in grado di tenere sotto controllo tutti gli smartphone degli studenti appena questi ultimi entrano all’interno dell’edificio scolastico.

Non è finita qui, però, visto che l’app iSmartkeeper sarebbe in grado addirittura di spegnare i dispositivi mobili nel corso delle ore di lezione: in poche parole, verranno permesse solamente le chiamate d’emergenza e quelle vocali.

Ovviamente, tutte le altre applicazioni presenti negli smartphone dei vari studenti verranno disattivate, in maniera tale che non potrà più distrarsi nel corso di una lezione con il proprio dispositivo mobile e non potranno utilizzare giochi o altri titoli, dal momento che verranno completamente disattivati.

Come si può facilmente intuire, questa nuova app iSmartkeeper è stata decisamente criticata dal mondo giovanile, ma è proprio l’impiego smodato dei dispositivi mobili pure durante le lezioni che avrebbe portato allo sviluppo di un titolo del genere.

In base a quanto sostiene un’agenzia coreana appartenente alla Società Nazionale di informazione, sembra che gli adolescenti passerebbero ben sette ore al giorno (almeno) davanti ai propri smartphone: nel caso in cui, però, dovessero farne a meno, ecco che potrebbe spuntare problemi come ansia, depressione ed insonnia.

Add Comment