Ma la privacy su Facebook è così importante?

social

Dopo che si è capito che la privacy sembra tutta una “montatura” o almeno è quello che pensa una buona parte dei frequentatori dei social network, posizione dalla quale noi ci manteniamo il più neutrali possibili, è quasi tramontata l’era degli amici nascosti.

Doppi profili, persone che copiano ed incollano le foto degli altri utenti per creare un profilo clone, ciò non fa che danneggiare l’immagine di un social network che ognuno sceglie di gestire a suo modo.

Riepiloghiamo come vedere amici nascosti su facebook per chi si pone il problema di “spiare” quello che fa un altro utente.

Come vedere gli amici nascosti su Facebook.

Sono sufficienti alcune semplici mosse per cercare gli amici nascosti su facebook:

  • iscriversi come un nuovo utente, e sappiamo che è semplicissimo e non sono fatti tanti controlli di routine, salvo che non vi sia la segnalazione di profilo falso da parte di un altro utente
  • utilizzare la funzione Trova amici e cercare il contatto che ci interessa
  • possiamo così, sempre che non ci facciamo riconoscere dal contatto che ci interessa, entrare nel suo profilo, malgrado abbia la privacy attivata.

La visibilità dei post argina in parte questo problema del social?

Purtroppo bisogna forse rassegnarsi ad accettare i pregi ed i difetti di un social network come quello di facebook, dato che:

  • o si accettano solo i contatti conosciuti, di cui non si hanno dubbi di sorta e si limita la visibilità del profilo a tutto il resto
  • o si diventa francamente strafottenti, sul fronte dei tanti problemi che hanno i social, in genere. Non certamente, solo Facebook. Anzi, gli altri social network cercano di seguire le orme del suo successo: Twitter introdurrà la messaggistica, così come su Facebook; Linkedin sta cercando di creare una nuova dimensione social e così via.

La visibilità dei post, ovvero la decisione di mostrare i post solo agli amici, ai familiari o al pubblico indistinto molto probabilmente vuole essere un ulteriore rafforzamento delle debolezze al sistema della privacy su Facebook.

Ma in fondo, poi, ci si continua a chiedere: in una scala da 1 a 10, quanto è importante la privacy di un social network? Forse è prioritaria la volontà dell’utente di gestirlo come meglio crede, assumendosi tutti i fastidi che derivano da possibili debolezze.

Insomma, la perfezione non esiste, tanto meno per Facebook.

Add Comment