Microsoft vuole tagliare il prezzo di Windows 8.1 del 70%?

Microsoft vuole tagliare il prezzo di Windows 8.1 del 70%?

Stando a quelle che sono le più recenti indiscrezioni pare che Microsoft sia intenzionata a tagliare il costo di licenza di Windows 8.1 di circa il 70%.

A render nota la cosa è stato, in primis, il sito web Bloomberg che nelle scorse ore ha dichiarato di aver raccolto le rivelazioni di una fonte a conoscenza dei fatti.

Allo stato attuale delle cose il costo di licenza di Windows 8 è di 50 dollari ma con un taglio di tali proporzioni si passerebbe a circa 15 dollari, una cifra questa talmente contenuta che permetterebbe ai produttori di avere un bel margine di manovra per abbassare i prezzi.

Nello specifico il taglio di prezzo riguarderebbe tutti i dispositivi che hanno un costo non di molto superiore ai 250 dollari a prescindere dalla tipologia e dal fattore di forma del prodotto.

Con tale presunta mossa Microsoft vorrebbe tentare di convincere i produttori di PC che realizzano computer a basso costo con Chrome OS e tablet Android ad optare anche per il proprio sistema operativo e, al contempo, rendere più competitivi i nuovi dispositivi basati sul suo ultimo OS.

Microsoft starebbe quindi cercando di correre ai ripari dopo aver fatto registrare nell’ultimo trimestre di attività il segno negativo più pesante proprio per quanto riguarda le attività della divisione consumer.

In ogni cosmo considerando che è oramai da da mesi che si parla di Windows Phone e di Windows RT privi di costi di licenza non è escluso che il presunto cambio di politica su Windows 8.1 possa essere un primo passo in tale direzione.

 

 

Add Comment