Come passare da Chrome a 32-bit alla versione a 64-bit su Windows

Chrome a 64-bit

Quando Google ha iniziato a rilasciare le versioni a 64-bit di Chrome per sistema operativo Windows sui canali di distribuzione Dev e Canary a Giugno, non era chiaro in un primo momento se l’azienda aveva l’intenzione di offrirle permanentemente agli utenti del browser.

Definito come un esperimento, completava l’offerta di versioni di Chrome a 64-bit disponibili per i sistemi Mac e Linux.

Quando la versione a 64-bit ha raggiunto il canale Beta del browser, era chiaro che una versione per il canale Stable sarebbe arrivata presto. Ieri infatti, Google ha rilasciato la versione 64-bit di Chrome per il canale stabile e aggiornato la versione a 37 nel contempo.

Secondo Google, le versioni a 64 bit offrono diversi vantaggi rispetto alle versioni a 32-bit del browser tra cui velocità, prestazioni, stabilità e sicurezza. Ad esempio, le prestazioni di decodifica su YouTube migliorano di circa il 15%, secondo Google, e la stabilità è migliorata del doppio durante la “gestione di contenuti web tipici”.

Gli utenti di Chrome esistenti che vogliono passare dalla versione a 32-bit a quella a 64-bit possono farlo nel seguente modo

  • Visitare la pagina ufficiale di download di Chrome e selezionare Windows 64-bit. Il link si trova sotto il pulsante Scarica Chrome. In alternativa, visitare questo link direttamente e fare clic su Scarica Chrome.
  • Eseguire l’installazione e seguire le istruzioni sullo schermo.
  • Fondamentalmente, è sufficiente installare la versione a 64-bit di Chrome sul sistema

Non esiste alcuna opzione per l’aggiornamento dall’interno di Chrome al momento. Chrome per Windows a 64-bit sostituirà la versione a 32 bit del browser sul sistema durante la procedura di installazione.

L’unica opzione per eseguire una versione a 32-bit e 64-bit del browser una accanto all’altra è quella di installare Chrome Dev o Canary pure. Si potrebbe eseguire Chrome stabile a 32-bit e la corrispondente versione Dev o Canary a 64-bit sullo stesso sistema.

I dati personali come i segnalibri o le estensioni installate saranno trasferite sulla nuova versione del browser.

Suggerimento: Se si desidera assicurarsi di non perdere tutti i dati, eseguire il backup del profilo utente prima di effettuare la migrazione. È possibile farlo attivando Chrome Sync oppure aprendo la cartella %USERPROFILE%\Local Settings\Application Data\Google\Chrome\User Data in Windows Explorer ed effettuando una copia di backup della directory che si apre manualmente, mentre Chrome è chiuso.

Il modo più semplice per verificare quale versione di Chrome si esegue è quello di aprire la pagina chrome://chrome. Qui si trova elencata la versione corrente e se è un’edizione a 64-bit o meno.

Add Comment