Come proteggersi dai bachi di flash. I nostri consigli

adobe

Diciamoci la verità: l’HTML5 è il protocollo che vogliamo usare per riuscire a fare tutto ciò che vogliamo al giorno d’oggi, ma molti siti preferiscono ancora il caro vecchio Flash. E’ facile da imparare rispetto naturalmente all’HTML5 ed è ancora compatibile con una grandissima quantità d’applicazioni e giochi disponibili sul Web. Ma ormai sembra ovvio che non è più il primo Plugin del mondo per sicurezza e prestazioni. Pronto a crashare ed essere bucato da diversi virus, Flash si sta rendendo sempre più vulnerabile ogni giorno. Ecco qualche consiglio per proteggersi da problemi eventuali con Flash.

Abilitiamo il Click-to-Play. Se abbiamo Chrome, possiamo abilitare una funzione che si chiama Click to play. Ovvero, se vogliamo che qualcosa si avvii, ci clicchiamo sopra invece che lasciarlo avviarsi automaticamente. Per farlo, andiamo in chrome://settings/content . Il menu che ci verrà proposto ha diverse funzioni, ma quello che vogliamo abilitare in basso a Plug-in è Click to Play. Abilitato quello siamo più protetti da eventuali esecuzioni automatiche. Ricordatevi che alcune pubblicità integrate in servizi come Dailymotion riusciranno comunque a sbucare fra i rischi potenziali; perciò non mettete nella lista di eccezioni ogni singolo sito che credete sia sicuro.

Mantenete Flash in aggiornamento automatico. Almeno Adobe non è che vuole lasciare il loro plugin preferito in pieno abbandono: reinstallate il Plugin o al limite vedete se riuscite ad arrivare alle impostazioni di Flash (che sono in funzione di browser in browser, o semplicemente cercatelo nel pannello di controllo).

Tenete aggiornato il Browser ed il vostro Antivirus. Entrambi giocano un ruolo molto importante nella vostra protezione preventiva. Potete anche applicare protezioni passive con gli Hosts tramite Spybot S&D.

Fra le alternative, si può certamente disinstallare il plugin o disabilitarlo. Con Firefox ed Internet Explorer basta fare la disinstallazione del programma oppure toglierlo fra i Plugin. In Chrome, che c’è l’ha integrato obbligatoriamente, dobbiamo andare in chrome://plugins. Troviamolo e disabilitiamolo.

Add Comment