Hi tech, un aiuto tecnologico agli agricoltori

Agricoltore

Avreste mai immaginato di poter un giorno avere a che fare anche con un contadino hi-tech?

La tecnologia, lo sappiamo alla perfezione, sta facendo passi da gigante, anche in questa direzione, dal momento che è stato svelato un prototipo del tutto particolare che si fonda su un banca dati di proprietà del Cnr di Torino, che è in grado di prevedere tutti i vari effetti dei cambiamenti che avvengono a livello climatico e che offre ai contadini la possibilità di sfruttare con minor frequenza i pesticidi.

Stiamo facendo riferimento ad una nuova applicazione che è in grado di gestire le modalità di semina dei campi e che permette di conoscere i migliori sistemi per poter lottare in maniera efficace nei confronti delle malattie delle piante, andando al contempo a ridurre notevolmente l’uso di pesticidi.

Una delle principali caratteristiche di questa nuova applicazione assolutamente innovativa è certamente relativa al fatto che si svolge tutto in tempo reale.

L’app in questione arriva direttamente dagli Stati Uniti e rappresenta un vero e proprio aiuto hi-tech per tutti gli agricoltori, anche grazie alla collaborazione tra l’Università della Pennsylvania e il Cnr di Torino.

Il prototipo è in grado di contenere più di vent’anni di dati che riguardano le infezioni che si sono verificate sui raccolti e mette gli utenti pure nella condizione di poter prevedere anche i vari effetti che possono verificarsi a livello ambientale, andando ad incrociare le informazioni meteo e di posizione geografica con tutti i vari dati relativi allo sviluppo delle piante e la possibilità che si formino dei parassiti.

Il merito è anche dei ricercatori italiani, che hanno contribuito a questo progetto fornendo un’enorme mole di dati.

Add Comment