Telegram introduce Telegraph, la piattaforma per gli articoli anonimi

telegram

Con il nuovo aggiornamento di Telegram alla versione 3.14 sono state introdotte importanti novità, tra le quali la più importante è sicuramente Telegraph, ossia la nuova piattaforma di publishing con la quale è possibile pubblicare  articoli in totale anonimato all’interno dei canali di Telegram, non è infatti prevista nessuna registrazione o la creazione di un account ma basterà semplicemente collegarsi al sito Telegraph.ph ed inserire il nome dell’autore ed il titolo per poter cominciare a scrivere. Gli articoli potranno anche essere arricchiti con l’inserimento di link e/o immagini oppure tweet o video da YouTube o Vimeo. Tuttavia l’anonimato garantito da Telegraph potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio, gli utenti potrebbero abusarne facendo circolare notizie false.

Instant View

Un’altra importante novità introdotta con l’aggiornamento 3.14 è Instant View o come appare nella traduzione in italiano – Apertura Rapida – e consente al destinatario la visualizzazione immediata della pagina web del link condiviso dal mittente, tramite il pulsante presente a fine pagina (per l’appunto Apertura Rapida) senza dover attendere prima il caricamento. Al momento sono pochi i siti supportati da Instant View (TechCrunch e Medium) ma l’azienda è già all’opera per estendere la funzionalità all’intero Web.

Ricerca dei messaggi

Con Telegram 3.14 è ora possibile cercare i messaggi inviati in un determinato giorno, tramite l’icona del calendario posta nella finestra di ricerca. Infine le ultime due novità riguardano l’opzione “Visualizza pacchetto” per gli sticker recenti, un modo rapido per inviare uno sticker senza dover scorrere gli altri pacchetti e Gruppi in Comune ovvero viene mostrata una lista con tutti i gruppi che si condividono con una determinata persona. A quanto pare Telegram mira ad offrire un servizio sempre più completo e multifunzione per gli utenti, non solo tra i servizi di messaggistica instantanea ma anche nel mondo social.

Che ne pensi?