Come trasferire dati da Android al computer e viceversa

wifi-transfer-header_0 (1)Oggi usiamo gli smartphone per fare praticamente tutto e come naturale conseguenza si ha che raccolgono file di grande importanza per ognuno. Che siano canzoni, foto o documenti di lavoro, si pone il problema di proteggere i dati e il migliore modo per farlo e salvare i file anche su altri dispositivi o online. Gli smartphone infatti sono delicati, possono rompersi, perdersi, essere rubati. Non sarebbe furbo non avere un backup aggiornato su qualche altro dispositivo. Per fortuna oggi trasferire dati da Android al computer è facilissimo, esistono molti modi diversi per tutte le esigenze.

Trasferire dati da Android al computer tramite bluetooth

Un primo metodo per trasferire dati da Android al computer non richiede l’uso di fili, ma solo del bluetooth. Questo procedimento è ideale per il trasferimento di dati di piccola dimensione, meno per file più grossi. Inoltre richiede che oltre allo smartphone, anche il computer possegga il chip del bluetooth. Per trasferire dati da Android al computer si dovrà innanzitutto attivare il bluetooth sul computer (normalmente l’opzione per la sua attivazione può essere trovata nell’area delle notifiche a destra della barra delle applicazioni di Windows). Fatto ciò, bisogna navigare nella lista di dispositivi e stampanti del computer, fino a trovare il proprio smartphone, che dovrà essere aggiunto all’elenco, assicurandosi che anche il bluetooth dello smartphone sia attivo, in modo che il dispositivo sia visibile al computer. Il computer fornirà poi un codice per il collegamento e bisognerà verificare che questo sia lo stesso codice mostrato dallo smartphone: in caso positivo si potrà procedere al collegamento e poi a trasferire i file condividendoli tramite bluetooth.

Trasferire dati da Android al computer tramite Wi-Fi

Un altro modo per trasferire dati da Android al computer è quello di usare la connessione Wi-Fi. Se infatti si hanno sia il computer che lo smartphone sotto la copertura della stessa rete wi-fi, si può utilizzare la connessione per scaricare file da e su entrambi i dispositivi, grazie a una serie di app presenti sul Play Store. Tra queste, una delle migliori è Filedrop, che riesce a trasferire file di grandi dimensioni a velocità molto maggiori dei suoi rivali.  Per usare questo metodo è necessario scaricare Filedrop sia sullo smartphone – lo troverete nel Play Store – sia sul computer (www.filedropme.com/), dopodiché aprite l’app su entrambi i dispositivi e selezionate quello da cui volete trasferire file, in modo che il programma possa cominciare la scansione delle memorie. Successivamente il computer chiederà quale tipo di dispositivo si sta cercando di connettere, per cui bisognerà inserire il modello dello smartphone e verrà fornito un codice da inserire nel cellulare. Una volta scritto il codice, il computer si collega al telefono e sarà possibile trasferire dati da Android al computer e viceversa. Il trasferimento è facilissimo, basterà trascinare i file desiderati nella finestra del software per il computer.

Trasferire dati da Android al computer tramite USB OTG

Un altro modo per trasferire dati da Android al computer è l’USB OTG (On-The-Go), un modo per connettere tra loro dei dispositivi e trasferire file. per questo metodo la cosa fondamentale è verificare che il vostro smartphone supporti l’USB OTG: in caso positivo, si potrà usare il dispositivo come una penna USB. Android supporta USB OTG già dalla versione 3.1 e tutti gli smartphone Android più recenti supportano la funzione.

Trasferire dati da Android al computer tramite cloud

In una guida del genere non poteva certo mancare l’opzione dei servizi di cloud per trasferire dati da Android al computer. Servizi come Google Drive e Dropbox sono ottimi per trasferire file, anche se il trasferimento può essere lento se si ha una velocità di upload bassa con la propria connessione. Se non avete ancora un servizio cloud, vorreste averne un altro o siete in dubbio su quale scegliere, qui troverete una guida ai pro e contro dei servizi principali presenti sul mercato.

Add Comment