Usare Android come ripetitore Wifi, ecco come fare

Obiettivo: diventare un ripetitore Wifi, anche se si tratta solo di un Android device. Chi quotidianamente utilizza il router nella propria abitazione per connettersi al web da computer, telefono o tablet, avrà senza dubbio avuto spesso e volentieri il fastidioso problema di segnale debole causato il più delle volte dall’eccessivo distacco del dispositivo in uso dal modem.

Android come ripetitore Wifi

Non avendo un segnale accettabile, la linea può risultare particolarmente lenta e instabile con disconnessioni ripetute. Per evitare tutto ciò per fortuna in soccorso intervengono eccezionali ripetitori di segnale che consentono di trasmettere il segnale del modem per distanze ampie in questa maniera la connessione risulta stabile e ovviamente non si riscontrano più problemi di lentezza del segnale e instabilità.

Ripetitore WiFi Android, ecco come

Non è sempre tassativo andare in negozio ad acquistare un ripetitore, infatti chi possiede un telefono caratterizzato dal sistema operativo Android può tranquillamente utilizzarlo come ripetitore del segnale WI-FI. Il dispositivo se utilizzato come ripetitore WI-FI, consentirà di condividere la connessione con altri dispositivi andando ad ampliare il raggio d’azione del segnale.

Per poter fare affidamento ad un telefono Android come ripetitore WI-FI, ci affideremo all’applicazione Fqrouter2 scaricabile da questo link: http://fqrouter2.it.uptodown.com/android/download, un’applicazione che necessità dei permessi di root e che consente simultaneamente di connettersi e di far connettere per utilizzare il segnale WI-FI, in questa maniera si potrà utilizzare il dispositivo collegato alla rete e allo stesso dispositivo se ne potranno collegare altri per sfruttare pienamente la connessione WI-FI.

Vediamo qui sotto come configurare correttamente l’applicazione di cui vi stiamo parlando:

  • Prima di tutto assicuratevi di avere sul vostro smartphone i permessi di root;
  • Direttamente dal browser del vostro device Android, scaricate l’applicazione;
  • Installatela e quando richiesto concedete i permessi di root;
  • Verrà avviato immediatamente il processo di installazione alla conclusione del quale vedrete apparire un tasto con la seguente scritta: full power su cui andrà fatta una leggera pressione con il dito per fare accesso a una serie di opzioni interessanti;
  • Scorrete il contenuto della finestra fino a raggiungere la dicitura WI-FI Repeater dunque attivate tale opzione e aspettate l’attivazione che di solito dura una manciata di secondi;
  • Da WiFi Repeater, è fattibile fare un tap sul tasto Config che serve per fare accesso ad altre funzioni che consentono di rinominare il punto di accesso SSID e la pass che dovranno inserire tutti i dispositivi che vogliono collegarsi allo smartphone Android che funzionerà da ripetitore wireless;
  • A questo punto per connettere al ripetitore Android un PC, o un qualunque altro dispositivo, non dovete fare altro che una scansione della rete del dispositivo che si dovrà collegare allo smartphone Android che funzione come ripetitore wireless, dunque una volta trovata, si deve procedere con la connessione al punto d’accesso e introdurre la pass che è stata impostata in precedenza e se tutto va per il verso giusto ci si collegherà da subito allo smartphone Android che svolge la funzione di ripetitore Wifi.

Il tutorial su come usare Android come ripetitore WiFi è giunto alla conclusione.

 

Che ne pensi?