Whatsapp, nuovo sistema per la protezione della privacy

whatsappcomplete2Dopo un percorso di un anno e mezzo, il gigante mondiale della messaggistica Whatsapp ha finalmente completato il progetto di sicurezza che ha visto l’implementazione di una forte crittografia end-to-end sulla sua piattaforma e su tutte le piattaforme mobili per le quali offre la sua applicazione. Questo significa che con l’aggiornamento, gli utenti avranno di default le loro conversazioni protette tramite crittografia e si parla di un gran numero di utenti: l’anno scorso, infatti, Whatsapp ha superato il miliardo di utenti attivi in tutto il mondo. Con la crittografia end-to-end le conversazioni degli utenti non sono più conservate sui server di Whatsapp in semplici file testo, né la compagnia stessa sarà in grado di leggere le conversazioni in quanto non detiene le chiavi di crittografia. Questo significa anche che Whatsapp non sarà in grado di consegnare i dati qualora ciò venga richiesto dalle autorità.

Il percorso di aggiornamento ha richiesto due anni di lavoro

Nonostante questa notizia possa sembrare correlata a quanto sta accadendo nelle ultime settimane tra l’FBI e la Apple, Whatsapp sta in realtà lavorando alla crittografia dal 2013, sin da quando Snowden ha suscitato scalpore a livello mondiale rivelando fino a quanto si estendessero i controlli dell’agenzia americana della sicurezza nazionale. L’anno successivo Whatsapp si rivolse alla Open Whisper Systems e ha iniziato ad integrare sin dal 2014 il protocollo Signal di crittografia end-to-end, valutato positivamente da molti esperti ed utilizzato attualmente dallo stesso Edward Snowden.

Per ottenere il nuovo sistema di sicurezza è necessario aggiornare Whatsapp

Con l’aggiornamento delle scorse ore, il procedimento è completato e “riguarda chat, chat di gruppi, allegati, note vocali e chiamate vocali che avvengono su Android, iPhone, Windows Phone, Nokia S40, S60, Blackberry e BB10”, come ha fatto sapere la Whisper Systems. Si ricorda che nonostante l’upgrade al nuovo sistema di crittografia end-to-end avvenga automaticamente per tutti, questo non significa che chiunque stia già godendo delle nuove misure per la privacy, in quanto a tal fine è richiesto l’aggiornamento all’ultima versione dell’applicazione, disponibile in tutti gli store dei vari sistemi operativi.

Add Comment