Whatsapp senza sim. Solo su pc, tablet o ipod.

whatsapp

Non tutti vogliono associare tale applicazione al proprio numero di cellulare, nonché alla sim. Ci si domanda, quindi: “E’ possibile, così come con l’antesignano Skype, usarla sul proprio tablet Android, semplicemente fruttando il Wi fi, e senza sim”? Certamente. E’ inoltre possibile anche installarlo sul proprio pc o sull’ipod.

E senza troppe complicazioni.

Come installare Whatsapp sul tablet

Vediamo, passo per passo, le operazioni da fare:

  • Per prima cosa, bisogna andare sito ufficiale di Whatsapp
  • Nel sito troverete un file ad estensione apk, disponibile per la versione android
  • Ignorare il messaggio dato che il file potrebbe non essere compatibile con il vostro tablet e proseguite oltre con il download
  • Installare il file, con il program manager, sul vostro tablet
  • Al momento dell’installazione, vi verrà comunque richiesto un numero di cellulare. Voi gli fornirete quello da voi utilizzato, lasciando lo smartphone o il dispositivo cellulare con la sim inserita acceso.
  • Al numero che voi indicate, vi sarà fornito il codice di attivazione di Whatsapp che, a quel punto, potrete utilizzare per attivare l’app sul vostro tablet.

Come installare Whatsapp sul pc

Anche in questo caso, la procedura da seguire è piuttosto semplice.

  • Scaricate, sul sito ufficiale, l’applicazione di Whatsapp
  • Installare sul pc un emulatore Android, tra i più affidabili. Vi possiamo consigliare “Blue Stacks”
  • Per il resto, non dovete fare altro che seguire le istruzioni. Vi verrà richiesto di fornire un account gmail che vi conviene crearlo sin dall’inizio.

Alcuni difetti riscontrati dagli utenti

Ciò che non piace di Whatsapp è il suo utilizzo mono-apparecchio (o solo lo smartphone, o il tablet). Non è possibile utilizzare l’app su più dispositivi simultaneamente.

In ogni caso, sono andati quasi tutti a buon fine i tentativi di installare l’app sui dispositivi sforniti di sim, compreso l’Ipod Touch.

Buon divertimento, allora, per tutti quegli utenti che non vedono l’ora di sperimentare queste nuove opportunità che abbiamo, di recente, scoperto esserci.

Add Comment