Yo, un futuro tutt’altro che inutile alle porte?

740x350xYo-740x349.jpg.pagespeed.ic.tHD3qsDL0I

Nel corso dell’ultimo periodo sono tanti gli addetti ai lavori che parlano dell’app Yo, che è stata migliorata sia per il sistema operativo Android che per iOS.

Yo non è altro che un pratico ed efficace servizio di messaggistica istantanea, che può contare su un concept del tutto differente, il cui nucleo principale è rappresentato dalla locuzione “Yo”, tipica dello slang dei rapper americani.

Senza ombra di dubbio, Yo vuol essere non solamente un modo di comunicare, ma anche una sorta di espressione classica di certi ambienti, molto dialettale in tantissimi quartieri americani, che esprime sostanzialmente un rapporto di conoscenza e di convivialità.

Sono tantissimi gli utenti che, anche se l’app ha ottenuto più di un milione di download nel corso delle ultime settimane, si continuano a chiedere quali possano essere gli obiettivi alternativi di un titolo del genere.

Sul web, in particolar modo nel corso delle ultime ore, si sta diffondendo la notizia secondo cui l’app Yo dovrebbe arrivare anche in Israele: in questo modo, da app simpatica e priva fondamentalmente di un senso ben specifico, diventerebbe giocoforza un programma che consentirebbe perfino di salvare delle vite umane.

L’app Yo, mediante la grande collaborazione del team di sviluppi, avrebbe avuto tutte le carte in regola per adeguarsi a Red Alert: ecco spiegato il motivo per cui questo titolo potrebbe essere impiegato per l’invio di notifiche agli utenti israeliani, magari per avvisarli nel caso in cui dovesse incombere una vicina minaccia di lanci missilistici.

Yo, un’applicazione che veniva considerata superficialmente come inutile, ma la cui “vita tecnologica” potrebbe avere un risvolto davvero unico nel suo genere.

Add Comment