Je suis Charlie, dalle manifestazioni ad un’app