Home Applicazioni Web Streaming Joker, il complesso di persecuzioni trasformato in un viaggio di potere per...

Joker, il complesso di persecuzioni trasformato in un viaggio di potere per soddisfare i desideri [Recensione]

0

Il vero trionfatore della notte degli Oscar è stato Joaquin Phoenix il quale ha vinto il premio come miglior attore ai 92 ° Academy Awards, per la sua interpretazione della nemesi di Batman, Joker. Phoenix è stato il favorito sin dall’uscita del film, diretto da Todd Phillips. Esso è la storia delle origini del celebre supercriminale, precedentemente interpretato da Jack Nicholson e Heath Ledger. La versione di Phoenix è un aspirante fumetto standup che ha dentro un disordine interiore e che lo fa scoppiare in risate incontrollabili in momenti inappropriati ed è ossessionato da un conduttore di talk-show interpretato da Robert De Niro.

Ma la cosa che maggiormente ha colpito durante la premiazione è stato il discorso di accettazione di Phoenix, in cui ha fatto un’appassionata richiesta per gli esseri umani di smettere di combattere l’un l’altro e di smettere di saccheggiare le nostre risorse naturali, ponendo particolare enfasi sulla crudeltà implicata nell’industria lattiero-casearia industriale.

Ha chiuso il suo discorso emotivo citando un testo scritto, a 17 anni, dal suo defunto fratello River: “Corri in soccorso con amore e seguirà la pace”. E oggi, quando i rapporti umani sono ridotti ad una videochiamata e non sappiamo quando torneremo ad abbracciarci, abbiamo ancora più bisogno dell’amore che ci venga in soccorso in altre forme.

Dopo questa riflessione a chi non è venuta voglia di vedere (o rivedere) il magico Phoenix in Joker? E allora perché non farlo? Grazie allo streaming e a siti come altadefinizione non c’è niente di più semplice che scegliere il film e premere click.

In Joker, il villain per eccellenza, ci sono alcuni brutti messaggi egoistici nel film, che è incongruentemente deciso a creare simpatia per il peggior nemico di Batman e uno degli assassini di massa e architetti di atrocità più notoriamente calorosi dell’universo DC Comics. Ma lo adori o lo odi, il film crea una tentazione fantastica di persecuzione e sollievo, di abbracciare il nichilismo come mezzo per sfuggire completamente a un mondo terribile.

È una fantasia autocommiserante, certamente. Phillips e il co-sceneggiatore Scott Silver seguono le orme del film drammatico di Joel Schumacher del 1993 Falling Down nel ritrarre il mondo come un luogo cupamente cupo e indifferente, un carnevale quasi comicamente vile in cui il protagonista non riesce a trovare un pizzico di conforto o sollievo. In una performance completamente immersa nel personaggio, Joaquin Phoenix interpreta Arthur Fleck, un clown a noleggio part-time che lavora per un’agenzia di talenti squallida piena di figure grottesche esagerate. Arthur è malato di mente e assume i farmaci e la terapia ordinata dal tribunale, che non offrono conforto o rappresentano la sua vera cura. È devoto a sua madre malata Penny (Frances Conroy), che lo ha incoraggiato a vedere sé stesso come una luce gioiosa nel mondo, portando risate al popolo.

Il problema è che non è particolarmente divertente. È dolorosamente imbarazzante, il tipo di sconcertante, incompetenza sociale che la gente evita in pubblico perché il suo comportamento irregolare sembra che potrebbe diventare pericoloso – o almeno a disagio per loro. È facile per gli spettatori entrare in empatia con il suo desiderio di essere amato, senza necessariamente amarlo. Quando dice di sentirsi invisibile, è chiaro il perché: è il tipo di persona che la gente distoglie lo sguardo per strada, per apatia o disagio attivo.

Quella tensione tra simpatia e repulsione è una delle cose più oneste di Joker, che per lo più fa di tutto per rendere terribile il mondo. Mentre lavora come un vortice di segni, Arthur viene casualmente picchiato da una manciata di bambini, che rubano il suo cartello e poi lo rompono sulla sua testa. Il suo capo non solo non crede alla sua storia, ma chiede ad Arthur di pagare i danni.

Le drammatiche ironie e ingiustizie si uniscono in tutto il film, fino a quando non è chiaro che Arthur non è paranoico, il mondo è davvero pronto a prendersela con lui. E poi intraprende un’azione violenta e irrevocabile.

Per gran parte della sua durata, Joker è un film consapevolmente brutto, visivamente ed emotivamente. Arthur inizia con quasi nulla e perde tutto in modo incrementale, in modi progettati per ferire gli spettatori empatici. Phillips e il cineasta Lawrence Sher danno al film un aspetto disgustosamente sgangherato, poco illuminato, in stile David Fincher, specialmente nella squallida casa di Arthur. Tutto sulla narrazione – la colonna sonora minacciosa e in forte espansione; l’oscurità grintosa; il sound design invasivo – è progettato per essere opprimente e per spingere il pubblico verso il punto di vista di Arthur come vittima principale di tutta l’oppressione. È ipnotico quanto sia terrificante l’esistenza di Arthur, proprio come la performance di Phoenix è ipnotica mentre si evolve da fragile speranza in atti di distruzione sempre più fuori misura e fiduciosi.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui